lunedì 17 settembre 2012

Je suis l'Empire à la fin de la décadence.

Una scritta giallo brillante che illumina la strada ancor prima dell'alba, un numero proiettato contro i marciapiedi, una porta automatica che taglia in due le distanze: ciao, autobus delle sei e cinque, mi sei mancato.
La cosa inquietante è che sono seria. Evidentemente, sentivo la necessità di dare uno scopo ai miei movimenti, incanalando i pensieri verso obiettivi più concreti di una cifra espressa in chilogrammi. 

E' più semplice raggiungere una meta per puro caso, piuttosto che improntando le giornate sulla sua ricerca. 
Primo giorno di scuola - e qui mi diverto a comprare un'agenda, una stilografica, una matita 6H, una gomma bianca, un paio di orecchini a forma di libro spalancato - e io (paradossalmente) rinasco. 
Sì, è stato massacrante - ho cambiato sezione e quindi, per l'ennesima volta, sono stata catapultata in un'altra classe; "Sei più nomade dei Curdi." [Cit.] - ma, in fondo, ho sempre avuto un debole per il massacro. 
E' abbastanza seducente l'idea di essere priva di ogni energia vitale per una ragione logica, comprensibile e visibile. E non solo perché ho ingerito giusto due bicchieri di caffè e una tazza di tè all'albicocca

Eliminando la grammatica antica, che ho letteralmente rimosso, ho voglia di studiare. Allucinante, qualcuno dovrebbe picchiarmi.

« Quando ci abbracciamo di nuovo, mi sussurra con insistenza all'orecchio.- E se un giorno, Victor, - inspira, mi stringe più forte, - se un giorno tu diventassi quello che non sei mai stato? »


5 commenti:

  1. Risposte
    1. Tesoro, sono - e siamo - qui apposta.

      Stai su :)

      Elimina
  2. Perché mai bisognerebbe picchiarti? Non c'è mica nulla di male nell'aver voglia di studiare, anzi! Anch'io, nonostante vari sbalzi di ottimismo/demoralizzazione ho voglia d'incominciare questo nuovo anno universitario... (di nuovo il primo, pure io sono un po' una mina vagante).
    E a parte questo, il tuo post mi ha trasmesso serenità.
    Buon inizio Queer! :)

    RispondiElimina
  3. Aww, ti trovo sempre adorabilmente amabile, ma a volte -ad esempio con post come questo- sei qualcosa di più. La tua voglia di studiare ti rende ulteriormente bella, nonchè i tuoi acquisti *-* Amo le stilografiche e qualsiasi cosa che somigli a della carta su cui scrivere e organizzarsi la vita (agenda)e poi wow, l'estrema leggerezza di una 6H. Ecco, per me il top sarebbe una 5B o anche di peggio, trovo la leggerezza della matita comprata adeguata alla tua persona, in quanto pura, leggera e bella. Direi che la tua settimana è iniziata bene, col cibo compreso. Ed iniziare bene è sempre un primo passo non indifferente, ottimo. Dunque sei sopravvissuta al primo giorno di scuola, ma com'è andata? Dettagli? Impressioni? Avvistato qualche figo o comunque persona interessante? Un bacio e buona giornata per domani. :*

    RispondiElimina
  4. Sai neanche a me dispiace il ritorno a scuola.. la solita routine mattutina, il ricominciare a studiare, scrivere, vedere le solite persone, sorrisi, sguardi, fogli di appunti.. all'inizio sembra tutto quasi, come dire, magico..

    RispondiElimina

Isegoria.