martedì 10 luglio 2012

Welcome to the jungle.

Domani sera parto. Con la persona dell'atto III, per essere precisi. Da soli, per esserlo ancora di più.
Sono terrorizzata, il mio umore è spaventoso. Mio padre è uscito dalla cucina con una vaschetta di gelato in mano e la faccia sporca di mousse al cioccolato - stile 'bambino scoperto con le mani nel vasetto di marmellata' - e io l'ho fulminato. Letteralmente. Penso di aver lanciato uno degli sguardi più eloquenti della mia vita. Siamo rimasti pietrificati in corridoio, a guardarci. Lui aveva paura. E come dargli torto? Sputavo odio dai bulbi oculari. Il problema, è che tutta la mia rabbia era concentrata sulla scatoletta di plastica che cullava fra le braccia, solo che guardare lei con astio non mi dava abbastanza soddisfazione: non ha una faccia, né un'espressione da biasimare. Lui sì, poveraccio, lui ce l'aveva. 

"Non dirlo alla mamma". Allora ho sorriso, mi è arrivata addosso un po' di tenerezza. 
Che è durata circa venti secondi, dopodiché il mio cervello è diventato un campo di battaglia. 
Sono enorme. ENORME. Non riesco a smettere di ascoltare La Donna Cannone, ed è un brutto segno. 
Dovrei andare al mare con lui? Ahahahah, no. Cristosantoperchéame. Ma come fa il resto della gente ad essere normale? Seriamente. Come fa a non avere pensieri simili? Okay, ognuna ha la sua psicosi, ma questa è talmente difendibile, talmente condivisibile... Perché diavolo non ce l'hanno tutti? Come hanno fatto a scappare?
Grazie al cielo Lui sa tutto. Mi ha anche passato questo articolo: http://blog.libero.it/bulimiadivivere/7148233.html, che, in effetti, mi ha fatto sentire meglio. Ma davvero di poco. 
Nell'ultima ora mi sono pesata grosso modo sei volte. Perché ieri mi sono abbuffata - e quasi a cuor leggero, essendo convinta di dover partire minimo minimo il quindici - e ora sono tre chili in più. TRE. 
Boh, datemi un calmante, datemi qualsiasi cosa. Estirpatemi lo stomaco. Sto male anche fisicamente, figuriamoci come può essere il mio stato mentale. 
Jlsdkfsadkmòasldfmòasldòaslàaskdmgàasòdlmvcowemgàdlceofldmf.
D'altronde, me lo merito: sono un'imbecille. Non riesco a trovare un equilibrio, per quanto ci stia sinceramente provando. 


Basta crisi, basta peso, basta cibo, basta caldo, basta dolci, basta digiuno, basta bilancia, basta mal di testa, basta studio(che sto sistematicamente ignorando), basta me stessa. Basta, sono in overdose. 


E basta, vengo a leggervi. 


Un bacio.

15 commenti:

  1. Non so quanto pesi e quanto sei alta, ma se lui è consapevole dei tuoi problemi e delle tue paure non credo dovresti rinunciare a questa vacanza!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non rinuncerò - anche se ammetto di averci pensato seriamente - ma spero anche di non rovinarla.

      Pff, un respiro profondo e via.

      Grazie, un bacio.

      Elimina
  2. oh tesoro..parti senza pensieri strani! parti! SEI BELLISSIMA!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, grazie, spero che Mr. Specchio e Miss Bilancia la pensino come te, stamattina! :D

      Un bacio.

      Elimina
  3. Appena senti la voglia di abbuffarti, prova a rielaborare tutte le sensazioni e tutto il disagio che ti salta addosso dopo averlo fatto, quando la sera ti si sbottonano i jeans e la pancia scoppia, e il giorno dopo al mattino, quando senti lo stomaco gonfio e hai paura di vedere due, tre, quattro chili in più sulla bilancia.
    Smetti di abbuffarti per tutta la vita, giuro.
    ti stringo;
    elle

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, io ci provo sempre: il problema è che il mio cervello si spegne. Si spegne, letteralmente. Non riesco più a pensare: mangio qualsiasi cosa. E' capitato anche che mangiassi pane semi-congelato perché non riuscivo ad aspettare che sbrinasse; roba andata a male, ("Beh, è scaduta ieri l'altro, chissenefrega, la data è indicativa": seh, il cervello si riattiva solo per trovare giustificazioni, in determinati momenti); una fetta di torta con della cenere sopra? Eh, basta soffiarci sopra, chisenefrega!

      E' il delirio. Spero davvero che vada tutto bene. Spero anche di riuscire a parlargli a cuore aperto.

      Grazie, ti stringo anche io.

      Elimina
  4. Sai cosa c'è? Che quei tre chili svaniranno in poco tempo, sono tutti dati da ciò che hai ingerito, non effettivamente dal grasso... E sai un'altra cosa? Non devi vergognarti di nulla. Stai lottando, è questo l'importante. E addosso 3 chili non fanno la differenza: io l'ho capito solo ora, dopo più di un anno. E vorrei lo capissi anche tu!
    Ti stringo,
    Effe.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto mi rincuora quello che hai scritto, tu non lo puoi immaginare.

      Grazie.

      Elimina
  5. Spesso me lo chiedo anch'io: come diavolo fanno a non pensarci?
    Comunque, sono convinta che non hai nulla da temere. Parti a cuor leggero e divertiti, tutto sarà più bello così.
    Ti abbraccio,
    buona vacanza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, lo spero davvero.

      Un abbraccio :)

      Elimina
  6. Ok il pensiero è condivisibile: come fanno gli altri a non pensarci? E' vero, è un pensiero così spontaneo che te lo chiedi il perché noi dobbiamo avere questi pensieri e gli altri no. Ma in realtà gli l'hanno pure, ma non come l'abbiamo noi. Non ne fanno un problema gigante, si accettano con qualche chilo in più e gli sta bene. Sono felici così. Siamo noi a non essere felici. E' strano lo so..
    In ogni caso, sì, anche a me tuo padre ha fatto tanta tenerezza, capita anche a me, di guardare mio padre così, quando mangia troppo, e poi mi sento in colpa perché in fondo sono io ad essere sbagliata, lui meno di me.
    Cerca di rilassarti e non pensare a nulla.
    Ti abbraccio e divertiti, provaci perlomeno.
    Snotra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proverò a rilassarmi, ma promettimi che lo farai anche tu :)

      Un bacio.

      Elimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. Bella! Intanto grazie per i commenti e gh, abbiamo 3kg in più in comune al momento. Hai ragione sull'equilibrio, ma ultimamente ho constatato un fatto inquietante: ok che o si guarisce o sono inevitabili alti e bassi, ma cristo, perchè tutte le persone "malate" che ho la gioia di leggere e/o conoscere arrivano comunque a 40kg ed io porca paletta resto sempre qui? Nel senso: sempre con su e giù di peso, certo, ma perchè tutti tranne me arrivano a numeri bassi e invidiabili, anche se magari poi il loro peso risalirà? Solo io non riesco? Quindi diciamo che in cuor mio penso che per quanto possa cadere e ingrassare, prima o poi ariverò per una botta di culo ad un bel peso, ecco. A parte ciò, non ho potuto non sorridere per la scena di tuo padre e immagino il tuo sguardo pieno d'odio. Malgrado i pensieri che tutte ben conosciamo, ti dico: chi se ne frega dei kg. Starai bene, semplicemente perchè sarai con lui. E poi il fatto che sappia tutto forse sarà un minimo aiuto...ma di solito questa è un'arma a doppio taglio. I pensieri ci saranno sempre, ma insomma, li sopporterai avendone accanto altri di tutt'altro tipo, riguardanti lui. Anche io fin troppo spesso mi chiedo come possa fare la gente a vivere normalmente e senza pensare quasi 24h al giorno a peso, numeri, cibo e calorie...ma la mia solita risposta è: grazie al cazzo, anche io se fossi una normalissima persona magra non vivrei così di merd. Poi ok, esistono anche le balenottere felici, ma questo è un altro discorso. Forse è anche questione di feedback, di cosa ti danno gli altri come riscontro; su questo dicono basarsi l'autostima, anche se personalmente penso sia un pò diverso il discorso. E oh, io ho sempre vissuto da grassona, that's it. Pensaci...solo tu e lui! E sorridi. E come mi hai detto tu, devo dirti di fregartene di quei "3 kg" (che poi molto sarà gonfiore), perchè li perderai in un baleno. E tu non sei me, quindi sei affidabile in questo e si può dare per scontato che lo farai. Buona vacanza, un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah, le balenottere felici!

      Grazie del sostegno: già, io non sono te, sono me. Questo mette a dura prova la perdita di quei tre chili. Non preoccuparti, io raggiungo numeri bassi perché SONO BASSA; in proporzione, i miei numeri sono incredibilmente alti. 45 chili (dopo l'ennesima abbuffata) sono troppi per un metro e cinquanta. Troppitroppitroppi. Quarantadue andava abbastanza bene: due in meno ed ero a posto.
      Ohiohi, che ansia.

      Elimina

Isegoria.